Gastrite e bambini

 

gastrite-bambini

I sintomi

Abbastanza comune nei bambini, la gastrite si presenta in seguito all’infiammazione della mucosa che riveste la parete interna dello stomaco. La durata della patologia indica quanto è intensa l’infiammazione; ci sono infatti le forme acute e quelle croniche. Inoltre vengono distinti tre tipi di gastrite: antrale, quando riguarda la cosiddetta “bocca dello stomaco”; pilorica se la zona colpita è il piloro, cioè la parte finale dello stomaco e gastrite del fondo quando questa interessa la zona del fondo dell’organo.

Solitamente si manifesta con un forte bruciore che si fa sempre più intenso quando si mangia; questo dolore diminuisce con il vomito. Tuttavia la forma acuta inizia in maniera brusca e può durare poco; anche i bambini possono soffrire di forme di gastrite cronica e da stress caratterizzate da sintomi come pesantezza dello stomaco, digestione lenta, sonnolenza dopo i pasti e bruciori di stomaco quando si introducono determinati cibi. La gastrite cronica si manifesta in determinati periodi o eventi particolarmente stressanti. Nelle situazioni più gravi ci sono emissioni di sangue dalla bocca.

 

 

Le cause

Diverse sono le cause della gastrite: molto comuni in tenera età sono le infezioni; tuttavia anche l’uso sconsiderato di farmaci della famiglia FANS, anti-infiammatori non steroidei come l’aspirina, causa l’infiammazione della mucosa gastrica. Molte volte la gastrite deriva dagli alimenti che tendono ad aumentare l’acidità gastrica. Ricordiamo che spesso, alla base delle gastriti c’è ingerimento di sostanze corrosive, di corpi estranei e di batteri ed allergeni in quanto i bambini hanno l’abitudine di introdurre oggetti in bocca.

 

 

I rimedi

In caso di gastrite sono da evitare assolutamente pasti molto abbondanti; è consigliato ridurre carni e pesci e formaggi molto grassi. I condimenti e le spezie, poi, non fanno che aumentare l’infiammazione della mucosa. Inoltre non si possono mangiare i frutti aciduli come arance, limoni, ananas; come anche verdure e pomodori. Alcune abitudini comportamentali possono migliorare la situazione; per esempio per favorire una digestione più comoda, si deve cercare di mangiare lentamente e quindi masticare bene il cibo che viene mescolato alla saliva. Inoltre in commercio ci sono farmaci antiacidi che servono a proteggere la mucosa dello stomaco; è necessario, pertanto, chiedere al medico pediatra che indicherà con precisione il dosaggio.