Gastrite ed enterogermina

 

In vista di disturbi a livello gastrico, spesso fastidiosi e non facili da curare, è possibile assumere un farmaco specifico, quale cioè l'enterogermina. Essendo un medicinale da banco, può essere acquistato senza prescrizione medica, correndo dunque immediatamente ai ripari in caso di gastrite. Questo grazie al suo contenuto, a base di spore di Bacillus clausii, di norma situate nel nostro intestino.

 

Seguire una cura a base di fermenti lattici probiotici, come quelli contenuti nel preparato Enterogermina, vuol dire intervenire per regolare la funzionalità dello stomaco riducendo gli effetti negativi ed i sintomi della gastrite.

 

 

Allo stesso tempo una terapia che contempli le spore Bacillus andrà a stimolare la crescita e l’attività della flora batterica che si trova nell’intestino, in tal modo tutto il tratto gastrointestinale tenderà a mantenersi pulito ed equilibrato.

 

L’efficacia della Enterogermina contro la gastrite

enterogermina-gastrite

L’enterogermina è un farmaco molto versatile, in quanto capace di regolarizzare quasi sempre le alterazioni della flora batterica intestinale dovute a svariate cause. Facendo parte della categoria dei probiotici (cioè dei fermenti lattici) i medici spesso la consigliano per risolvere disturbi gastrici.

Una simile e innovativa indicazione si basa sull’assunto secondo il quale i probiotici sono microrganismi vivi che, se dosati in modo giusto, rendono più equilibrata la microflora dell’intestino. In tal modo si ricavano effetti positivi sulla salute dell’individuo.

L’apparato gastro intestinale dell’uomo viene spesso coinvolto da alterazioni che portano a disturbi gastrici poco sopportabili. In vista di un abuso di antibiotici, o all’indomani di una intossicazione intestinale, o gastrite da stress, è possibile quindi sottoporsi ad una terapia a base di Enterogermina.

Qualora non si ripristinasse il regolare funzionamento gastrico, si possono provocare tanti altri sintomi, fastidiosi tra cui diarrea,  gonfiore, flatulenza e dolori addominali anche molto fastidiosi.

 

 

Probiotico gastroresistente: ecco perché la gastrite può essere curata con l'enterogermina

bacillus-clausii-enterogermina-gastrite

Il motivo per cui la gastrite può essere curata con queste spore di Bacillus è che il farmaco in oggetto rientra nel gruppo dei probiotici gastro resistenti... il che vuol dire assumerlo in qualunque momento e rimanere indenni da possibili effetti collaterali. Si tratta di un prodotto che non incide negativamente sulla salute dell’intestino, anzi riesce a curarlo e a riequilibrarlo in maniera naturale.

Tra le altre cose, i suoi principi attivi non vengono assorbiti dai succhi gastrici, che soprattutto in caso di gastrite, sono ancora più acidi del normale.

Le spore di Bacillus clausii contenuti nell’Enterogermina agiscono direttamente sul problema gastrico, in quanto dotati di una protezione in grado di farla passare nel condotto intestinale e una volta giunti in loco esplicano i loro benefici.

Se stiamo seguendo una cura farmacologica contro la gastrite, l'Enterogermina sarà un buon coadiuvante, anche perché non solo agisce direttamente sul problema, ma evita anche che si formino eventuali problemi di alterazioni della flora batterica intestinale provocate di solito da assunzione di farmaci.

Dal momento che durante la cura contro la gastrite si consiglia di bere molta acqua, è possibile versare la fiala nella nostra bevanda senza che questa ne alteri la composizione.

 

Gastrite da stress: combatterla con l’Enterogermina

Secondo alcuni studi scientifici è emerso che nella maggior parte dei casi i disturbi allo stomaco siano da collegare allo stress quotidiano. Questo vuol dire che l’intestino ha una rete di neuroni che hanno un contatto diretto con il cervello mediante il midollo spinale e ne risentono di qualunque suo malessere.

Le cellule nervose che ricoprono tutta la parete intestinale portano dunque la scienza a definire l’apparato come un secondo cervello che processa le informazioni e reagisce allo stimolo dell’ambiente.

Cosa fare quindi nel caso in cui la causa dei disturbi gastrointestinali sono dovuti ad ansia e stress quotidiano?

Anche in una simile circostanza diventa un valido aiuto quello si assumere probiotici, come quelli contenuti nell’Enterogermina. I suoi microorganismi benefici andranno ad incidere sul ripristino della flora batterica intestinale.

Al contempo si consiglia di seguire uno stile di vita senza stress.

 

Azione generalizzata su tutto il tratto gastrico

Dopo aver appreso i motivi per i quali la gastrite e l’Enterogermina riescono a camminare di pari passo, bisogna ora considerare un’idea molto più ampia. Ovvero che il farmaco mentre agisce per disintossicarci dall’acidità dei succhi gastrici, si occupa anche di ripulire tutto l’intestino, in maniera tale da liberarci dalla flora batterica "cattiva".

Pertanto può divenire anche una cura preventiva che sradica il problema della gastrite e che evita la formazione di ulteriori fastidi che prescindono da questa. In tal modo infatti potremo scongiurare il pericolo di forme acute di colon irritabile, candidosi, morbo di Crohn, colite ulcerosa e anche in presenza di malattie da raffreddamento e allergie.

 

 

Enterogermina e gastrite: ripulire il tratto gastrointestinale

enterogermina-disturbi-gastro-intestinali

L’Enterogermina è una soluzione ideale contro la gastrite in quanto, le spore "buone", riuscendo a superare la barriera dei succhi gastrici, diventano cellule attive nell’intestino e agiscono positivamente su tutto il tratto.

Una volta che il Bacillus clausii colonizza il tratto intestinale, combatte l’azione dei batteri nocivi con la produzione di batteriocine, sostanze antimicrobiche che ne interrompono la crescita.

Questa colonizzazione consente di rinforzare il sistema immunitario, così da permettergli la produzione di anticorpi. In particolare grazie al maggiore apporto di vitamina B (contenuta nel Bacillus clausii) la gastrite tende ad attenuarsi in quanto lo stomaco riesce ad assorbire meglio le sostanze nutritive.

 

Come assumere l’Enterogermina in caso di gastrite

Per un'efficacia maggiore sui problemi gastro intestinali, la fialetta di Enterogermina andrebbe assunta con intervalli regolari di due tre volte al giorno (potrebbe essere assunta anche sotto forma di capsula). La dose è dimezzata per i bambini, anche se è raro che questi ultimi soffrano di disturbi allo stomaco.

La sua naturalezza di contenuto permette di assumere l’Enterogermina anche tra una somministra e l’altra di antibiotico o di altre cure per debellare il disturbo allo stomaco.

 

Enterogermina e gastrite: controindicazioni ed effetti collaterali

enterogermina-gastrite-controindicazioni-effetti-collaterali

Enterogermina (qui su bellezzautentica.it trovi una pagina di approfondimento sul farmaco specifico) non ha particolari effetti collaterali per cui può essere assunto con tranquillità contro la gastrite. L'unico effetto collaterale potrebbe essere l'ipersensibilità al farmaco e relativi problemi allergici. Sul piano terapeutico, non ci sono controindicazioni per l’apparato intestinale.

Trattandosi di probiotici gastroresistenti consigliamo comunque di assumerli prima di mangiare (pranzo o cena) così da permettere alla flora batterica "cattiva" di essere ripulita per bene e in modo tale che possa andare ad incidere sul tasso di acidità dei succhi gastrici più alti che si ha dopo mangiato.

Un ulteriore consiglio è di fare attenzione in caso di assunzione di antibiotico. In tal caso Enterogermina andrebbe preso tra due dosi di antibiotico, ciò per evitare che la concentrazione delle spore di Bacillus caseii diminuisca a causa del farmaco.

Si consiglia comunque di consultare il proprio medico o uno specialista, per capire se la cura a base di probiotici gastroresistenti sia l’ideale per il nostro problema.